Come abbinare l’illuminazione all’arredo del bagno

Come abbinare l’illuminazione all’arredo del bagno
Consigli per il bagno arcshop

Ogni zona della casa merita di essere adeguatamente illuminata ed anche il bagno non fa eccezione. Questa stanza non deve essere né poco illuminata (poiché potrebbe essere difficile starci) né troppo illuminata (perché potrebbe apparire inospitale e dare sensazioni sgradevoli); per questo l’ideale è utilizzare diversi punti luce autonomi per poter modulare l’illuminazione più adatta in base alle esigenze.

In linea di massima, l’illuminazione del bagno deve essere diffusa in modo uniforme ed è possibile ottenere questo effetto attraverso luci a soffitto, da incasso o a sospensione, che diffondono la luce in tutta la stanza. Ovviamente  maggiori sono le dimensioni del bagno, maggiori saranno i punti luce che occorreranno.

Illuminazione funzionale bagno

Ci sono alcune zone del bagno che necessitano di un’illuminazione dedicata, come la doccia o la vasca, e lo specchio con il lavabo.

La zona lavabo (dove di solito oltre a specchiarci ci trucchiamo o facciamo la barba) deve avere un illuminazione adeguata, con luci in grado di non creare zone d’ombra, meglio se direzionate sullo specchio.

Se abbiamo una vasca da bagno si può optare anche per un regolatore dell’illuminazione per creare un ambiente rilassante e accogliente, usando anche le candele o per dei dispositivi cromo terapici, ossia luci che sfruttino tecnologie LED, CCT e RGB che, oltre a regolare la tonalità, permettono di scegliere tra vari colori rilassanti per corpo e mente.

Illuminazione bagno: norme di sicurezza

In queste zone, occorre seguire la norma di sicurezza Europea EN60529, che definisce gli indici di protezione e le classi di isolamento adeguate alla zona del bagno in cui saranno installati. Le zone dove occorre fare maggiore attenzione sono le zone di pericolo 1 e 2, ossia quelle della vasca da bagno e/o piatto doccia e quella adiacente al lavabo.

In questi casi gli indici di protezione per gli apparecchi elettronici (IP) saranno più alti con un IP maggiore di 65 per la vasca da bagno (cioè altamente impermeabile all'acqua e resistente a infiltrazioni di polveri, sabbia e salsedine), un IP compreso fra 23 e 44 per le zone distanti di almeno di 60 cm dalla vasca o dal piatto doccia e distanti fino a 3 m di altezza (cioè protetto contro la pioggia con inclinazione massima di 60° e contro spruzzi d'acqua provenienti da tutte le direzioni), mentre si può scendere ad un IP compreso fra 1 e 21 a distanze maggiori (indicato solo per luoghi interni, chiusi e asciutti fino a protetto contro la caduta verticale di gocce d'acqua).

Colori della luce nel bagno

I tipi di luce ottenibili dalle lampadine possono essere caldi, freddi o naturali. Se per i primi due si può scegliere in base ai gusti, per la luce dello specchio si consiglia una luce naturale che non evidenzia i difetti né altera i colori. Si consiglia l’uso di lampadine a LED poiché permettono, a parità di luce con le vecchie lampadine alogene, di consumare in bolletta fino al 90% di energia in meno. Per i faretti di vasca e doccia si può invece lasciare spazio a ciò che più piace.

Accessori illuminazione bagno

Si può spaziare per materiali, forme e dimensioni in base allo stile del bagno. Per lo stile e le finiture via libera alla fantasia, purché siano coerenti con rubinetterie, e arredo della stanza.

I tipi di illuminazione che si possono scegliere sono di vari tipi:

  • Faretti da incasso, se la stanza prevede un contro-soffitto possono contornare alcune zone, valorizzando gli spazi. Adatti a bagni sia classici sia moderni, possono essere posizionati anche lungo la linea dello specchio. Un modello orientabile permetterà di regolare la luce, mentre installati a parete o a pavimento creano un effetto luce notturna oppure un effetto spa nella zona doccia o della vasca.
  • Faretti e applique, ideali per un bagno in stile moderno e funzionale, possono essere in acciaio cromato.
  • Lampadine sospese effetto vintage, per un bagno rustico o iper moderno o che richiami lo stile industriale.
  • Applique classici, ideali per uno stile retrò. Possono essere posti lateralmente allo specchio e avere finiture da coordinare alla rubinetteria per un bagno elegante e vintage.
  • Strisce LED, per delimitare il soffitto o contornare la linea inferiore di una parete per un effetto futurista.
  • Se le dimensioni e lo stile della stanza lo permette, utilizzare un lampadario a sospensione nel centro della stanza, per un effetto scenografico.

Per maggiori informazioni su come abbinare l'illuminazione all'arredo del tuo bagno, contattaci.